Pienamente centrati gli obiettivi del 2016 per l’Agenzia del Demanio, secondo quanto previsto dalla convenzione di servizi che regola il rapporto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze. Le razionalizzazioni e la riduzione della spesa hanno fatto registrare la migliore performance toccando il 179% dell’obiettivo fissato, mentre si consolidano i risultati sulle attività di presidio, conoscenza, tutela e valorizzazione degli immobili dello Stato. Un bilancio che getta le basi per disegnare il 2017 all’insegna di un corposo piano di investimenti per la riqualificazione degli edifici pubblici.

Riuso e rigenerazione del patrimonio pubblico

Federalismo Demaniale

Il 2016 è stato l’anno conclusivo del federalismo demaniale, che ha fatto registrare ulteriori 2.390 richieste di attribuzione di beni e ha coinvolto oltre 560 Enti territoriali. Complessivamente, tra procedura ordinaria e federalismo demaniale culturale, al 31 dicembre 2016 sono stati trasferiti 4.139 immobili per un valore di 1,5 mld €.

Proposta Immobili

Iniziativa promossa dal Ministero dell’Economia e delle Finanze e dall’Agenzia del Demanio per selezionare i patrimoni pubblici da valorizzare. Nel 2016, con la seconda edizione del progetto, sono stati identificati 1.283 immobili che saranno inseriti nel corso di quest'anno in percorsi di valorizzazione, concessione, vendita e conferimento a fondi immobiliari.

Valore Paese Fari

Nel 2016 si è concluso il primo bando Valore Paese Fari con l'assegnazione di 9 fari su 11 proposti, per un investimento di circa 6 mln € e una ricaduta economica complessiva di circa 20 mln €. Nel 2017 si è concluso il secondo bando, con l'assegnazione di 15 strutture costiere che potranno essere date in affitto fino a 50 anni e trasformate in luoghi di accoglienza legati alla cultura del mare, dell’ambiente e del turismo sostenibile. Si calcola un investimento di circa 11 mln € e una ricaduta economica complessiva di circa 40 mln €

Cammini e Percorsi

L’Agenzia del Demanio ha deciso di investire anche su realtà territoriali più decentrate e su beni che si inseriscono in luoghi al di fuori dai consueti flussi turistici, ma non per questo meno affascinanti, come quelli situati lungo percorsi ciclopedonali e itinerari storico-religiosi. Da qui, il nuovo progetto Cammini e Percorsi in cui sono coinvolti 103 immobili, che ha visto la luce nella primavera 2017 e ha come obiettivo quello di riutilizzare i beni come contenitori di servizi e di esperienze autentiche, in linea con la filosofia dello slow travel.

Casa Italia

Il Progetto attribuisce all’Agenzia del Demanio il coordinamento del piano di riqualificazione sismica ed energetica degli immobili in uso alla PA, per oltre 34 mln di mq di superficie.