30 August 2018

L'Agenzia ha firmato l’intesa con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio dell’Abruzzo, la Regione Abruzzo, la Provincia di Pescara, l'Ente Parco Nazionale della Majella e l'ANCI Abruzzo per la valorizzazione dei siti minerari dismessi e degli ulteriori immobili pubblici nel Parco Nazionale della Majella in Abruzzo che da antiche miniere potranno divenire risorse per nuove attività turistiche, culturali e museali. Durante l'incontro presso l’Aurum di Pescara è stato sottoscritto il Protocollo d’Intesa che impegna tutte le istituzioni coinvolte a raccogliere e valorizzare l'eredità di un’imponente attività estrattiva a fini turistico-ricettivi, non solo attraverso percorsi di archeologia industriale, ma anche con la promozione del turismo lento e con progetti culturali. Si tratta di un patrimonio pubblico che comprende centinaia di gallerie sotterranee, reperti industriali ed edifici di superficie, diffusi su un territorio di oltre 11 comuni, testimonianza di oltre 100 anni di attività dei minatori e delle loro famiglie impegnati  nell’estrazione di bitume e asfalto per la produzione di manufatti e materiale da costruzione. Sono intervenuti alla manifestazione anche i sindaci del territorio, le associazioni, le università e le istituzioni interessate al recupero di un patrimonio di fondamentale importanza per la memoria e lo sviluppo economico e sociale del territorio. (elf)

Categorie