29 November 2016

Avviato il recupero dell’Ex “Caserma Lanfranco” di Cividale del Friuli (Ud)

Firmato l’accordo di programma che dà il via alla valorizzazione degli immobili pubblici in Friuli Venezia Giulia

29 novembre 2016

L’Agenzia del Demanio ha siglato l’accordo di programma per il recupero urbanistico dell’Ex “Caserma Lanfranco” di Cividale del Friuli (Ud) con la Regione Friuli Venezia Giulia, la Guardia di Finanza, il Comune di Cividale del Friuli e l’Ater di Udine. L’atto sottoscritto oggi costituisce il primo accordo attuativo del Protocollo d’intesa per la razionalizzazione e valorizzazione del patrimonio pubblico del territorio regionale sottoscritto il 13 giugno scorso dal direttore dell’Agenzia del Demanio Roberto Reggi e dalla presidente della Regione Debora Serracchiani. Si avvia così il recupero di una grande area dismessa dagli usi militari e ormai inutilizzata da molti anni, limitrofa al centro della cittadina longobarda, e si realizza una razionalizzazione delle sedi della Pubblica amministrazione: la Guardia di Finanza infatti lascerà l’attuale sede in affitto da privati, per trasferirsi in un immobile dello Stato più adeguato ed efficiente. Presenti alla firma, avvenuta nella sede della Regione ad Udine,  l’Assessore alla Pianificazione e al Territorio, Mariagrazia Santoro, il sindaco di Cividale del Friuli, Stefano Balloch, il Direttore Regionale Friuli Venezia Giulia dell’Agenzia del Demanio, Pierluigi Di Blasio, il Comandante regionale della Guardia di Finanza, Giuseppe Gerli, e il Direttore dell’ Ater di Udine, Riccardo Toso.

L’accordo prevede che la Regione finanzi l’operazione con 1 milione e 600 mila euro e acquisti in proprietà immobili statali residenziali dismessi, che serviranno a fornire risposta al disagio abitativo del territorio e all’attuazione delle politiche sulla casa. La costruzione della nuova caserma della Guardia di Finanza avverrà a cura dell’Ater. (tc)

Categorie