Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Per visualizzare i contenuti correttamente e quindi installare i cookies sulla tua macchina occorre darne il consenso esplicito attraverso il bottone "SI, acconsento". Per visualizzare l'informativa clicca qui.

Non acconsento

Si, acconsento

main slider home

home page

home menu di sezione

menu principale

federalismo demaniale

home archivio Udine: accordo con Comune e Regione per valorizzare immobili pubblici

Udine: accordo con Comune e Regione per valorizzare immobili pubblici

Un piano per la riqualificazione, il riuso e la razionalizzazione del patrimonio immobiliare pubblico della città. La Caserma Reginato nuova sede della Prefettura.

21 aprile 2017

Sopralluogo Reginato

Un piano complessivo per la valorizzazione e la riqualificazione del patrimonio immobiliare pubblico di Udine è alla base dell’intesa sottoscritta oggi dal sindaco Furio Honsell, dalla Presidente della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani e dal Direttore Generale dell’Agenzia del Demanio Roberto Reggi. Diversi gli edifici coinvolti, dalle caserme Cavarzerani, Piave e Osoppo, l'ex magazzino Viveri e Casermaggio, l'ex Frigorifero, l'ex scuola Stringher e una parte del palazzo ex Colombatti.

L’obiettivo è definire insieme un percorso per la rigenerazione del patrimonio immobiliare pubblico presente nella città di Udine che definisca un miglior utilizzo degli edifici in un’ottica di riduzione degli spazi e risparmio sulle locazioni passive. Diverse infatti le esigenze delle Amministrazioni coinvolte, tra cui una nuova sede della Procura della Repubblica e la creazione di un polo della giustizia efficiente e funzionale, una nuova sede della questura, un polo archivistico delle pubbliche amministrazioni, una sede per gli uffici del Ministero dell'Economia e delle Finanze, che dovranno essere dismessi entro il 2023.

“L’Agenzia del Demanio è sensibilmente impegnata da anni nell’attività di ottimizzazione e razionalizzazione degli spazi occupati dalle Amministrazioni pubbliche, con l’obiettivo di ridurre la spesa e i consumi per gli affitti - ha dichiarato Reggi - Grazie alla collaborazione virtuosa con la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e il Comune di Udine possiamo condividere obiettivi comuni e mettere in campo strategie per la riqualificazione, il riuso e la valorizzazione di importanti edifici pubblici che potranno essere riconvertiti e destinati a nuove funzioni più utili alla cittadinanza”.

 

La Caserma Reginato nuova sede della Prefettura

Una delle operazioni di razionalizzazione già avviate e in fase conclusiva è quella che riguarda la Caserma Reginato, presentata oggi in un sopralluogo a valle della conferenza stampa dal Direttore Roberto Reggi, accompagnato dalla Presidente Serracchiani, dal Prefetto Vittorio Zappalorto e dalle autorità militari. Si tratta di un immobile di proprietà dello Stato di oltre 24.000 mq che ospita al suo interno il Centro Documentale del Ministero della Difesa e che a partire dal prossimo ottobre ospiterà anche la sede della Prefettura. Un’altra parte della caserma sarà trasferita alla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia che potrà così destinarla a servizi socio sanitari.

I lavori per l’adeguamento degli spazi dei nuovi uffici della Prefettura e il nuovo assetto del centro documentale della Difesa prevedono un investimento di 1,6 milioni di euro con un risparmio annuale, a regime dal 2020, di € 250.000, grazie alla chiusura dei contratti di affitto pagati per le attuali sedi della Prefettura di via Piave e Via Verdi. (vig)

Leggi il comunicato stampa

menu dei link correlati

guarda anche...

Biglietto da visita

Direzione Generale
Via Barberini 38
00187 Roma
tel: +39 06423671
fax: +39 0642367720
PEC: agenziademanio
@pce.agenziademanio.it

Al fine di operare un potenziamento sui livelli di sicurezza, entro breve sarà possibile accedere ai servizi offerti dall'Agenzia del Demanio solo attraverso alcune versioni di browser.


In particolare per i browser è consigliabile collegarsi al sito del fornitore per effettuare l'aggiornamento ad una versione più recente e verificare che sia abilitato il supporto al protocollo TLS 1.2 (ad esempio, per Internet Explorer, verifica che TLS 1.2 sia attivato in: Opzioni internet/Avanzate, Impostazioni, Sicurezza).

Le versioni minime dei browser più diffusi che supportano automaticamente il protocollo TLS 1.2 sono:

Microsoft Internet Explorer : versione 11 o Edge;

Opera Browser: versione 12.18;

Apple Safari: versione 9;

Mozilla Firefox: versione 44;

Google Crome: versione 48.

Se si utilizza una versione di browser inferiore a quelle sopraindicate, verificare che supporti il protocollo TLS 1.2

Per l'accesso client web services è necessario assicurare la compatibilità esclusivamente con il protocollo TLS 1.2