Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Per visualizzare i contenuti correttamente e quindi installare i cookies sulla tua macchina occorre darne il consenso esplicito attraverso il bottone "SI, acconsento". Per visualizzare l'informativa clicca qui.

Non acconsento

Si, acconsento

main slider home

home page

home menu di sezione

menu principale

federalismo demaniale

home archivio Venezia: parte il restauro dei Giardini Reali di piazza San Marco

Venezia: parte il restauro dei Giardini Reali di piazza San Marco

Importante operazione di partnership pubblico-privato per la valorizzazione del patrimonio immobiliare dello Stato

7 aprile 2017

Venezia Piazza San Marco

E’ stato presentato oggi a Venezia il progetto di restauro dei Giardini Reali di piazza San Marco, bene di demanio storico artistico in concessione alla Venice Gardens Foundation, che ne curerà il recupero e la valorizzazione. L’intervento, realizzato in partnership con Assicurazioni Generali, prevede il restauro botanico e paesaggistico dei Giardini, il restauro del Padiglione neoclassico e del Pergolato, il ripristino della Serra e il restauro dello storico Ponte Levatoio che collega i Giardini Reali con la piazza San Marco e con il sistema museale dell’Area Marciana.

Alla conferenza stampa organizzata all’interno del Padiglione Santi, storica Coffee House dei Giardini Reali, sono intervenuti la Presidente della Venice Gardens Foundation Onlus Adele Re Rebaudengo, l’Amministratore Delegato di Assicurazioni Generali Philippe Donnet, il Sindaco della Città di Venezia Luigi Brugnaro, il Direttore Generale dell’Agenzia del Demanio Roberto Reggi, Anna Chiarelli per la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per il Comune di Venezia e Laguna e due degli architetti responsabili del progetto di restauro Paolo Pejrone e Alberto Torsello.

“Operazione di partnership pubblico-privato come quella di oggi ci consentono di sfruttare risorse che notoriamente nel pubblico sono difficili da reperire per riportare a nuova vita beni di pregio conosciuti in tutto il mondo, cartolina del nostro Paese e delle bellezze storico artistiche che esso possiede – ha dichiarato Roberto Reggi in conferenza stampa - L’intervento della Venice Gardens Foundation consentirà di valorizzare uno dei luoghi simbolo di Venezia restituendolo in tutta la sua bellezza e unicità ai cittadini e alle migliaia di turisti che ogni giorno visitano questa splendida città”. (vig)

 

I Giardini Reali

I Giardini Reali sono di proprietà dello Stato in consegna alla Città di Venezia.

La Venice Gardens Foundation Onlus, impegnata nel restauro e conservazione dei giardini e dei beni di interesse artistico, storico e paesaggistico nella Città di Venezia, il 23 dicembre 2014, ha sottoscritto con l’Agenzia del Demanio e la Città di Venezia l’atto di concessione per 19 anni dei Giardini Reali finalizzato al restauro, manutenzione, valorizzazione e gestione di questo storico bene. Grazie al contratto di concessione la Fondazione si è impegnata a recuperare e mantenere i Giardini, sulla base di un progetto già approvato dalla Soprintendenza.

Il progetto di restauro

menu dei link correlati

guarda anche...

Biglietto da visita

Direzione Generale
Via Barberini 38
00187 Roma
tel: +39 06423671
fax: +39 0642367720
PEC: agenziademanio
@pce.agenziademanio.it

Al fine di operare un potenziamento sui livelli di sicurezza, entro breve sarà possibile accedere ai servizi offerti dall'Agenzia del Demanio solo attraverso alcune versioni di browser.


In particolare per i browser è consigliabile collegarsi al sito del fornitore per effettuare l'aggiornamento ad una versione più recente e verificare che sia abilitato il supporto al protocollo TLS 1.2 (ad esempio, per Internet Explorer, verifica che TLS 1.2 sia attivato in: Opzioni internet/Avanzate, Impostazioni, Sicurezza).

Le versioni minime dei browser più diffusi che supportano automaticamente il protocollo TLS 1.2 sono:

Microsoft Internet Explorer : versione 11 o Edge;

Opera Browser: versione 12.18;

Apple Safari: versione 9;

Mozilla Firefox: versione 44;

Google Crome: versione 48.

Se si utilizza una versione di browser inferiore a quelle sopraindicate, verificare che supporti il protocollo TLS 1.2

Per l'accesso client web services è necessario assicurare la compatibilità esclusivamente con il protocollo TLS 1.2