L’Agenzia del Demanio ha intrapreso un percorso di forte attenzione ai temi dell’efficienza energetica e della sostenibilità ambientale sul patrimonio immobiliare pubblico. Sono, infatti, in corso diverse iniziative per ridurre e razionalizzare la spesa legata al consumo di energia, sia attraverso la pianificazione di interventi di efficientamento energetico, sia con la promozione comportamenti virtuosi nell’utilizzo dei beni pubblici.

Da tempo l’Agenzia collabora con il MISE per il conseguimento degli obiettivi posti dalla Direttiva 27/2012 in tema di efficientamento energetico degli immobili della Pubblica Amministrazione Centrale; a tal fine redige annualmente l’inventario dei beni di proprietà dello Stato in uso alle PAC e raccoglie attraverso l’applicativo informatico IPER i dati di costo e consumo energetico da parte delle Amministrazioni interessate.

L’Agenzia ha sottoscritto con il MISE una Convenzione per l’esecuzione degli interventi di efficientamento energetico dei programmi PREPAC; attualmente questa prevede che gli interventi individuati vengano svolti con le modalità e gli strumenti previsti dal Sistema Accentrato delle Manutenzioni con notevoli risparmi di tempo potendo i competenti Provveditorati accedere direttamente agli accordi quadro esistenti per la scelta dell’operatore cui affidare il lavoro.

IPER (Indice di Performance): l'applicativo informatico per raccolta dati su consumi energetici e gestionali degli edifici in uso alla PA

L’applicativo informatico IPER (Indice di performance)  è lo strumento grazie al quale l’Agenzia raccoglie le informazioni relative ai costi degli edifici di proprietà dello Stato o di altri soggetti, in uso alle Amministrazioni pubbliche. Il sistema nasce inizialmente per adempiere al disposto normativo di cui all’art. 1 comma 387 della legge di stabilità 2014 che prevedeva, sulla base dei dati comunicati dalle Pubbliche Amministrazioni Centrali, l’elaborazione da parte dell’Agenzia del demanio di indicatori di performance in termini di costo d’uso per addetto affinché le stesse potessero uniformarsi alle migliori performance.

Da quel momento il sistema si è poi evoluto rispondendo a nuove finalità volte soprattutto alla misurazione delle performance energetiche, mediante l’introduzione di nuovi indicatori e nuove funzionalità di monitoraggio dei miglioramenti delle prestazioni energetiche e dei risparmi derivanti.
Con l’applicativo IPER l’Agenzia del Demanio  ha ricevuto lo scorso 25 maggio  un riconoscimento speciale del FORUM PA nella categoria  Smart environment e energy management. Lo strumento, sviluppato interamente in-house, permette di gestire un quantitativo considerevole di dati, fisici e tecnologi, misurando le performance energetiche degli immobili pubblici, sulla base di benchmark di riferimento elaborati direttamente dal sistema.

Dall’avvio del progetto, nel 2015, l’Agenzia ha già  elaborato oltre 9 milioni di informazioni, basate su 4 annualità, sui comportamenti di 20 amministrazioni centrali che occupano 23.000 beni. Si tratta di una vera e propria banca dati pensata per promuovere comportamenti virtuosi nell’utilizzo dei beni pubblici individuando standard di riferimento a cui le PA dovranno adeguarsi.  I dati inseriti dalle PA sono anche forniti annualmente dall’Agenzia del Demanio al MISE per la redazione dell’Inventario contenente le informazioni sugli immobili sui quali programmare interventi di efficientamento energetico che concorrano al raggiungimento degli obiettivi comunitari.

CONTATTI

Per informazioni: Direzione Centrale Servizi al Patrimonio: dg.efficientamentoperformanceimmobili@agenziademanio.it