Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Per visualizzare i contenuti correttamente e quindi installare i cookies sulla tua macchina occorre darne il consenso esplicito attraverso il bottone "SI, acconsento". Per visualizzare l'informativa clicca qui.

Non acconsento

Si, acconsento

main slider home

home page

home menu di sezione

menu principale

titolo argomento sottohomepage

home proposta immobili 2016

Gli esiti del progetto

La seconda edizione dell’iniziativa promossa dal Ministero dell’Economia e delle Finanze e dall’Agenzia del Demanio per selezionare i patrimoni pubblici da inserire in percorsi di valorizzazione e dismissione si è conclusa il 20 giugno 2016.

Hanno partecipato 241 Enti pubblici, tra cui Regioni, Province, Comuni, Città metropolitane e Aziende Sanitarie Locali. I beni candidati sono 544 e costituiscono un portafoglio immobiliare distribuito su quasi tutto il terrirorio nazionale: 7 in Abruzzo, 22 in Basilicata, 3 in Calabria, 36 in Campania, 60 in Emilia Romagna,16 in Friuli Venezia Giulia, 27 nel Lazio, 21 in Liguria, 52 in Lombardia, 31 nelle Marche, 37 in Piemonte, 37 in Puglia, 14 in Sardegna, 32 in Sicilia, 43 in Toscana, 1 in Trentino Alto Adige, 1 in Umbria, 104 in Veneto.

Per saperne di più

L'iniziativa

L’Agenzia del Demanio, con il Ministero dell’Economia e delle Finanze e con il coordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri, hanno promosso PROPOSTA IMMOBILI 2016, invitando gli Enti territoriali e gli altri soggetti pubblici a segnalare immobili di proprietà da inserire in operazioni di valorizzazione e dismissione.

Obiettivo finale del progetto è quello di generare risorse per le PA attraverso interventi di sviluppo socio- economico locale, processi di rigenerazione urbana e azioni mirate a tutelare dal degrado complessi immobiliari di proprietà pubblica.

Con questo progetto l’Agenzia del Demanio, in collaborazione con i soggetti promotori, offre il supporto tecnico agli Enti proprietari per individuare gli scenari di migliore utilizzo dei propri beni, coordinando le varie iniziative sul territorio e mettendo in collegamento gli asset pubblici individuati con i potenziali investitori.

Chi sono i destinatari del progetto
Le candidature potevano essere inviate dagli Enti territoriali proprietari o titolari di diritti reali di godimento su beni immobili, e in particolare le Regioni, le Città Metropolitane e le Province, i Comuni con popolazione superiore ai 10.000 abitanti (la soglia è derogata per i Comuni di particolare interesse turistico); altri Enti pubblici, inseriti nel conto economico consolidato individuati ai sensi dell’articolo 1, comma 3 della legge 31 dicembre 2009, n. 196 (Legge di contabilità e di finanza pubblica).


Fino a quando presentare le proposte
Il termine per presentate le candidature era fissato al 20 giugno 2016. Le proposte pervenute successivamente non saranno prese in considerazione.

Che tipo di immobili sono candidabili
PROPOSTA IMMOBILI 2016 identifica due tipologie di beni per i quali è possibile inviare la candidatura:
-La prima riguarda gli immobili con destinazioni di mercato vigenti o adottate, compatibili con le procedure di vendita;
-La seconda tipologia comprende immobili potenzialmente interessati da un programma di sviluppo socio-economico locale, che dovrà essere dettagliato dall’Ente proprietario all’interno della Scheda Candidatura.

Sono esclusi dalle proposte i beni già oggetto di candidatura per PROPOSTA IMMOBILI 2015, i terreni agricoli e le aree a vocazione agricola.

Avvertenze
Le proposte non hanno carattere vincolante né per i soggetti promotori, né per gli aderenti all’invito, e non costituiscono titolo o condizione per eventuali pretese rispetto alle successive decisioni assunte dai soggetti promotori nella loro discrezionalità. L’inserimento degli immobili nei progetti costituisce un’ opportunità offerta agli Enti proprietari di usufruire dei vantaggi e delle facilitazioni di legge, nonché di accrescere la visibilità dei propri immobili per una possibile valorizzazione e/o dismissione, e non comporta il nascere di obbligazioni a carico degli Enti.

Informazioni e Contatti
Le informazioni di dettaglio su PROPOSTA IMMOBILI 2016 sono pubblicate anche sul sito internet del Dipartimento del Tesoro www.dt.mef.gov.it.

Per assicurare il più ampio supporto agli Enti e alle Amministrazioni pubbliche, anche in fase di predisposizione delle candidature, è inoltre attivo uno sportello tecnico-amministrativo in tutte le Direzioni Regionali dell’Agenzia del Demanio.

Biglietto da visita

Direzione Generale
Via Barberini 38
00187 Roma
tel: +39 06423671
fax: +39 0642367720
PEC: agenziademanio
@pce.agenziademanio.it

Al fine di operare un potenziamento sui livelli di sicurezza, entro breve sarà possibile accedere ai servizi offerti dall'Agenzia del Demanio solo attraverso alcune versioni di browser.


In particolare per i browser è consigliabile collegarsi al sito del fornitore per effettuare l'aggiornamento ad una versione più recente e verificare che sia abilitato il supporto al protocollo TLS 1.2 (ad esempio, per Internet Explorer, verifica che TLS 1.2 sia attivato in: Opzioni internet/Avanzate, Impostazioni, Sicurezza).

Le versioni minime dei browser più diffusi che supportano automaticamente il protocollo TLS 1.2 sono:

Microsoft Internet Explorer : versione 11 o Edge;

Opera Browser: versione 12.18;

Apple Safari: versione 9;

Mozilla Firefox: versione 44;

Google Crome: versione 48.

Se si utilizza una versione di browser inferiore a quelle sopraindicate, verificare che supporti il protocollo TLS 1.2

Per l'accesso client web services è necessario assicurare la compatibilità esclusivamente con il protocollo TLS 1.2