07 July 2020

Si è concluso ieri il concorso di progettazione, lanciato dall’Agenzia del Demanio, per la  rigenerazione dell’area dell’ex caserma G. Perotti a Bologna.  Ad aggiudicarsi il primo posto, tra le cinque proposte progettuali finaliste, è stata la Archliving Srl. Hanno fatto parte della giuria importanti professionisti del settore, come l’architetto di fama mondiale Dominique Perrault, l’architetto Leopoldo Freyrie, ex presidente della Consulta Nazionale degli Architetti, l’ingegnere Riccardo Gulli, docente dell’Università di Bologna, l’architetto Giuseppe De Togni del Comune di Bologna e l’ingegnere Salvatore Concettino dell’Agenzia del Demanio.

L’area dell'ex caserma Perotti si estende per circa 90 mila mq nella periferia est di Bologna. L’Agenzia del Demanio, a seguito di una parziale dismissione della struttura da parte del Ministero della Difesa, ha deciso di destinare circa 1/3 della superficie ad alcune attività amministrative dell'Agenzia delle Entrate. Nella palazzina comando, nelle due casermette e nei restanti immobili destinati a palestre e spogliatoi, sorgeranno infatti il nuovo archivio interregionale per le Regioni Emilia Romagna, Toscana e Marche, e la nuova sede della direzione Provinciale Bologna 2 che attualmente risiede in un immobile privato a via Larga. I restanti 2/3 della superficie dell’ex caserma restano ancora nella disponibilità del Ministero della Difesa. (mb)

Categorie