10 January 2020

Sono ancora aperte, anche se con termini di scadenza differenti, le gare per la riqualificazione sismica di beni dello Stato. Per tutti gli immobili che si trovano nelle tre regioni si tratta di una procedura aperta per l’affidamento della verifica di vulnerabilità sismica, diagnosi energetica, rilievi tecnici da restituire anche in modalità BIM e progettazione di fattibilità tecnico-economica.

Sono ancora aperte le gare per la riqualificazione sismica di beni dello Stato. Per tutti gli immobili che si trovano nelle tre regioni si tratta di una procedura aperta per l’affidamento della verifica di vulnerabilità sismica, diagnosi energetica, rilievi tecnici da restituire anche in modalità BIM e progettazione di fattibilità tecnico-economica. In Campania, la gara riguarda 30 beni distribuiti in 4 lotti per un valore complessivo di 1.704.868,69 euro. Il 31 gennaio è il termine per presentare le offerte. In Sardegna, si tratta di 3 lotti e 4 beni per un importo totale di 261.536,90 euro. Chi vuole partecipare, ha tempo fino al 18 febbraio. In Veneto, sono 33 gli immobili interessati, suddivisi in 7 lotti – due dei quali di pregio - per un importo complessivo di 2.729.955,87. Scadenza per la presentazione delle offerte, il 26 febbraio.

Categorie