Bologna: riqualificata la caserma della Guardia di Finanza di via Tanari

26 January 2024

La riqualificazione della caserma della Guardia di Finanza di via Tanari a Bologna (ex Caserma Bertarini) è stata presentata ieri durante un incontro tra  il Responsabile della Direzione Servizi al Patrimonio dell’Agenzia del Demanio, Massimo Babudri, e il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza, Carlo Levanti

Gli interventi di ristrutturazione e di recupero funzionale della caserma, terminati nei tempi preventivati, rappresentano la nuova visione dell’Agenzia del Demanio nella sua attività di gestione e valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico, che mette al centro dei propri progetti la rigenerazione urbana e ambientale, la centralità dell’utenza, attraverso l’impiego di soluzioni architettoniche moderne e innovative. Con il trasferimento dell’edificio alla Guardia di Finanza si è concretizzata un’operazione di razionalizzazione che permetterà allo Stato di risparmiare circa 500mila euro all’anno di canoni di affitto.

La progettazione, eseguita dagli studi DEMOGO e Sinergo, si è aggiudicata il prestigioso riconoscimento internazionale “Best architects 24” nella categoria edifici per uffici. Si tratta di un importante risultato per l’Agenzia che, grazie a una progettazione di qualità realizzata interamente con metodologia BIM (Building Information Modeling) e all’adozione dei più avanzati modelli di sostenibilità ambientale, ha potuto concludere l’opera nei termini previsti.

L’intervento è consistito nella demolizione di alcuni manufatti e nella costruzione di una struttura destinata a uffici e magazzino, che si sviluppa su cinque piani per una superfice di circa 2.800 mq. Le terrazze verdi, affacciate sul centro storico da un lato e sulla pianura dall'altro, collegano visivamente gli uffici pubblici con la città e il colore rosso dei marcapiani richiama la tonalità del mattone tipica degli edifici bolognesi. Il disegno a gradoni, attraverso le superfici vetrate, crea per i 120 addetti e per l'utenza la massima luminosità naturale. Le scelte tecnologiche e impiantistiche realizzano un edificio sostenibile, vicino alle zero emissioni di CO2 (nZEB). Tra le innovazioni: la captazione e riuso delle acque meteoriche, la produzione di energia da fonti rinnovabili, l'utilizzo di sistemi digitali di controllo, regolazione e gestione. L’elevato livello di sicurezza sismica permette l'operatività della struttura in caso di calamità per lo svolgimento delle attività da parte della Protezione Civile.

La riqualificazione della caserma di via Tanari, che integra le esigenze della PA con la necessità di ridurre la spesa pubblica, si inserisce in un programma più ampio per la rigenerazione di beni immobili in disuso che l’Agenzia del Demanio sta portando avanti in tutto il Paese. A Bologna, l’intervento dell’Agenzia comprende operazioni come la realizzazione del Parco della Giustizia nell’area ex Sta.Ve.Co. e la destinazione a residenze universitarie di alcune porzioni delle ex caserme Sta.Mo.To. e Perotti.

 

Bologna_caserma GDF via Tanari