Bari: Agenzia, Mic e Comune firmano gli accordi di valorizzazione del Teatro Margherita e del Mercato Ittico

15 February 2024

Gli edifici dello Stato saranno trasferiti al Comune per divenire il ‘Polo per le Arti e la Cultura Contemporanea’ della città di Bari.

L’Agenzia del Demanio, il Comune di Bari e il Ministero della Cultura hanno firmato questa mattina gli Accordi per la valorizzazione del Teatro Margherita e dell’ex Mercato Ittico a Bari destinati a divenire il “Polo per le Arti e la Cultura Contemporanea della città di Bari”. Gli accordi, siglati dal sindaco di Bari, Antonio Decaro, dall’architetto Maria Piccarreta, segretario regionale MiC Puglia, e dal Direttore regionale Puglia dell’Agenzia del Demanio, Antonio Ottavio Ficchi sono il presupposto necessario per avviare l’iter di trasferimento in proprietà di questi beni, a titolo non oneroso, dallo Stato al Comune, un percorso che sarà perfezionato nei, prossimi giorni secondo le procedure previste dal federalismo culturale. Queste attività si inseriscono nel nuovo modello di gestione del portafoglio immobiliare dell'Agenzia del Demanio, il Piano città di Bari, oggetto del protocollo d’intesa tra Agenzia del Demanio e Comune di Bari siglato lo scorso dicembre.

Gli accordi di questa mattina definiscono le strategie e gli obiettivi comuni di tutela e valorizzazione dei beni “Teatro Margherita” e “Mercato ittico” stanti l’interesse storico- artistico che rivestono e le vicende storiche che nel tempo li hanno interessati, nonché la tutela e la valorizzazione degli immobili attraverso interventi di recupero, rifunzionalizzazione e restauro rispettosi del carattere storico-artistico dei beni, perseguite attraverso i programmi di valorizzazione predisposti. Questi dovranno assicurare obiettivi di tutela culturale dei beni oggetto degli accordi attraverso attività dirette a garantirne la protezione e la conservazione ai fini della pubblica fruizione.

L’intento, consolidato e già progettato, è quello di attivare il polo culturale di eccellenza nella città di Bari, attrattivo per il turismo, anche internazionale, e che arricchisca la vita culturale della città. Questo si attuerà nei tre edifici (Teatro Margherita, Mercato del pesce e Sala Murat), interconnessi per finalità e destinazioni d’uso tra loro integrate, destinate alla produzione, al consumo, all’innovazione delle arti contemporanee figurative e performative attraverso spazi funzionali ibridi e per loro natura flessibili a utilizzi molteplici e anche contestuali. 

bari_teatro_margherita